· 

Qual'è il reale tasso di mortalità del coronavirus?

Più di 80.000 persone in tutto il mondo hanno contratto il virus e il numero continua a crescere.

Qual'è il reale tasso di mortalità del coronavirus?

Capire di più sul Coronavirus

Da quando si è sviluppato un focolaio di Coronavirus nel nord dell'Italia, si è scatenato il panico in tutti gli italiani, ed è comprensibile.Infatti, dal dicembre 2019 quando il COVID-19 è stato scoperto per la prima volta a Wuhan in Cina, ha infettato oltre 81.000 persone in tutto il mondo e causato 2.761 morti, la maggior parte dei quali in Cina secondo le informazioni più recenti dell'Organizzazione Mondiale per la Sanità. Gran parte del panico ha a che fare con la disinformazione, e tutte le domande che le persone si fanno sulla pericolosità di questo virus.Ossia se è letale, quante persone guariscono, e quante invece muoiono, chi è maggiormente a rischio, e anche il tasso di sopravvivenza della malattia stessa.Purtroppo non c'è  ancora una risposta chiara per nessuno di questi quesiti,  semplicemente perchè non ci sono ancora molte informazioni disponibili.La notizia rassicurante che vogliamo darvi, è però che la maggior parte dei casi sviluppati è stata lieve, e meno del 3% dei pazienti affetti da COVID-19 è deceduto. Ci sentiamo pertanto di rassicurarvi che le informazioni che ci sono attualmente in giro in tutto il mondo, ci indicano che il COVID-19 ha un basso tasso di mortalità.Ed è anche importante sottolineare che chi è morto per il Coronavirus si trovava già in precarie condizioni di salute, e che nessun bambino è morto, quindi il rischio è maggiore per i pazienti immunodepressi o per chi ha problemi cardiaci o polmonari cronici.

 

Articoli Correlati:Il Corona virus è peggio dell'influenza?

Per quanto riguarda i tassi di sopravvivenza tra diverse popolazioni al di fuori della Cina, c'è ancora molto da sapere, compresi i tassi di sopravvivenza regione per regione. E man mano che i dati saranno riportati potremo saperne di più e vi terremo informati.

Detto ciò, il modo migliore per mantenere alti i tassi di sopravvivenza, e per proteggersi contro il Coronavirus, è quello di continuare a seguire le misure preventive raccomandate dall'OMS e dalle regioni, tra cui l'evitare il contatto con le persone malate, non toccarsi gli occhi, il naso e la bocca, stare a casa quando si è malati, pulire e disinfettare le superfici che vengono toccate frequentemente, e lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi, soprattutto dopo essere andati al bagno e prima di mangiare. Se inoltre temete di avere contratto il virus sottoponetevi al test, specialmente se avete viaggiato di recente in Cina o in altri paesi dove il virus si è manifestato.

E mantenete la calma.